Lo stimatissimo Professore Ordinario di Psicologia sociale e giuridica dell’Università degli Studi di Bergamo Gaetano De Leo sosteneva che ogni operatore di polizia deve essere in grado di conoscere le problematiche relative all’azione di investigare tramite “interrogazione”, poiché è ricorrente nel suo lavoro quotidiano l’esperienza di dover ascoltare e valutare una testimonianza.
Negli ultimi anni le richieste di formazione degli operatori di questo settore stanno diventando sempre più rilevanti, delineando così importanti momenti di raccordo e confronto tra psicologia e giustizia. Gli studi relativi alla valutazione del testimone e della testimonianza stanno infatti diventando un campo di ricerca che sempre di più richiede che gli ambiti disciplinari che se ne occupano
sviluppino tra loro un dialogo e un confronto aperto in una prospettiva di lavoro interdisciplinare. In particolare, con l’affermazione relativamente recente della psicologia giuridica come disciplina accademica autonoma, i settori della psicologia e della giustizia hanno cominciato ad osservare e valutare i fenomeni che accadono in sede penale (indagini preliminari, fase processuale, indagini peritali) con uno sguardo reciproco e attento anche alle altrui premesse teoriche e metodologiche....

 

INTERO ARTICOLO A QUESTO LINK: POLIZIA GIUDIZIARIA: L'INTERROGATORIO E LA TESTIMONIANZA